Home page  |  Cinema americano  |  Cinema europeo  |  Novità  |  La nostra proposta  |  Film A-Z  |  Cronologia completa

Benvenuti nel mondo di Fondo Cinema
Le opere e i volumi consultati per costruire il sito Fondo Cinema

Chi siamo  |  Doppiaggio dell'epoca  |  Elenco di tutti i salvataggi  |  Most Wanted  |  Non ci rassegnamo  |  Fonti e bibliografia

e-mail  pudivi@tiscali.it  |  cellulare  335 1457216


In questa pagina sono indicate tutte le principali opere editoriali utilizzate come guida per la catalogazione dei film considerati nella Cronologia completa e di tutti i supporti in DVD a disposizione di Fondo Cinema pubblicati su questo sito. Prioritaria è stata la consultazione dei testi curati da Mario Guidorizzi, oltre ai cataloghi ufficiali delle principali case di produzione americane. Di fondamentale importanza, per quanto riguarda il periodo muto, è stata la consultazione dell'insostituibile volume "L'eterna invasione" di Vittorio Martinelli, senza il quale il "riordino" del cinema muto americano giunto in Italia sarebbe stato impossibile.
 

                             • • • • •

Mario Guidorizzi Cinema americano ma non solo


Mario Guidorizzi
, insegnante veronese e operatore culturale di molte iniziative cinematografiche soprattutto sui "generi" hollywoodiani, ha curato per anni l'analisi strutturale nei Corsi di Storia del cinema presso l'Università di Padova, Verona e Venezia.

Critico cinematografico per giornali e riviste, si è interessato soprattutto al cinema americano, ai suoi attori, alla valorizzazione delle unità anche minori nel processo produttivo hollywoodiano. Ha seguito con particolare attenzione il cinema trasmesso dalle emittenti televisive, evidenziando le deturpazioni a cui vengono sottoposti, in specie con frettolose risonorizzazioni, i film di più antica data.

Fra le sue opere la Casa editrice Mazziana ha pubblicato "Michael Curtiz - Un europeo a Hollywood", "Hollywood 1930-1959", "Cinema americano 1960-1988", "Cinema inglese 1930-1990" e "Cinema francese 1930-1993". In questa serie di volumi l'autore ha inteso dare del mondo cinematografico internazionale una catalogazione ragionata e personale assieme ad un'informazione la più esauriente possibile.
 


Hollywood 1930-1959
di Mario Guidorizzi

Casa Editrice Mazziana, Verona 1986

Il periodo d'oro della cinematografia americana dalle prime mature realizzazioni sonore fino ai segni evidenti di un mutamento tecnico, produttivo, stilistico. Più di cinquemila film, dai capolavori indiscussi alle pellicole oggi riscoperte come piccoli classici, fonte di sicuro godimento e non solo per gli appassionati.

Il volume "Hollywood 1930-1959" offre sotto ogni titolo una scheda analitica comprendente il cast, la trama, il giudizio critico, notizie significative e, dove possibile (ed è questa una novità assoluta), i doppiatori. Nelle schede dei film vengono riportati, quale utile confronto, anche i giudizi critici dell'americano Leonard Maltin e dell'inglese Leslie Halliwell. Oltre alle opere già visionate in Italia, comprese quelle proposte per la prima volta dalle emittenti televisive, è offerto un elenco di importanti titoli in lingua originale, non ancora distribuiti da noi.

Completano il volume una catalogazione dei serials più famosi, la dettagliata cronistoria dei premi Oscar® e delle nomination, nonché un'attenta ricognizione dei protagonisti del doppiaggio, che hanno contribuito con la loro voce a firmare un'epoca, per molti mitica. In cornice una guida all'uso dei termini tecnici e l'indice completo dei titoli originali.
 


Cinema americano 1960-1988
di Mario Guidorizzi
Casa Editrice Mazziana / Lanterna Editrice, Verona 1988

Dopo la decadenza della grande Hollywood, il tentativo continuo della difficile rinascita attraverso la realizzazione di oltre tremila film che, fatalmente, hanno significato i mutamenti repentini della nostra epoca, dalla guerra fredda tra le grandi potenze, ai pericoli delle catastrofi atomiche o nucleari, dalla contestazione giovanile "on the road" all'esplosione delle tecnologie elettroniche.

Il volume offre sotto ogni titolo una scheda analitica comprendente il cast, la trama, il giudizio critico, notizie significative, l'eventuale distribuzione del film in videocassetta e dove possibile (è questa una novità assoluta) anche i nomi dei doppiatori italiani.

Come per il precedente "Hollywood 1930-1959", nelle schede dei film vengono riportati, quale utile confronto,  anche i giudizi critici dell'americano Leonard Maltin e dell'inglese Leslie Halliwell.

Completano il volume una dettagliata cronistoria dei premi Oscar® e delle nomination relative al periodo preso in esame, una riflessione attenta sui protagonisti del doppiaggio, una guida all'uso dei termini tecnici e l'indice completo dei titoli originali.
 


Cinema inglese 1930-1990
di Mario Guidorizzi
Casa Editrice Mazziana, Verona 1990

Pur avendo prodotto meno dei cugini americani, dell'Italia e della Francia, la cinematografia inglese, rivisitata nel suo complesso, mostra un sorprendente spessore qualitativo.

Ripercorrendo i sei decenni della produzione britannica giunti sugli schermi italiani (ma aggiungendo qualche altro titolo meritevole di essere doppiato), questo volume elenca poco meno di duemila pellicole, presentandone schede analitiche con cast, trama, giudizio critico, notizie significative, l'eventuale distribuzione in videocassetta, con l'aggiunta, ove possibile, dei nomi dei doppiatori italiani.

Sono indicati, così come nei due precedenti volumi, anche i giudizi del critico americano Leonard Maltin e dell'inglese Leslie Halliwell, ai quali si aggiungono i giudizi critici dell'inglese David Quinlan.

L'introduzione permette di ripercorrere i sei decenni presi in esame, evidenziando temi ricorrenti e protagonisti; un'accurata legenda introduce alla comprensione dei numerosi dati espressi attraverso le sigle delle schede; altre pagine sono dedicate alla spiegazione della terminologia tecnico-filmica entrata ormai nel linguaggio internazionale, e anche qui utilizzata. Al termine, arricchisce il volume l'indice completo dei titoli originali.
 


Cinema francese 1930-1993
di Mario Guidorizzi
Casa Editrice Mazziana, Verona 1993

Tutto il cinema sonoro francese giunto nelle nostre sale dal 1930 ai nostri giorni viene qui visitato nei suoi oltre tremila titoli attraverso schede analitiche che comprendono cast, trama, giudizio critico dell'autore e di altri studiosi (l'équipe guidata da Jean Tulard) notizie significative, i premi, l'eventuale distribuzione in videocassetta con l'aggiunta, ove possibile, dei nomi dei doppiatori italiani.

La presentazione si incarica di mettere in luce le caratteristiche principali di una cinematografia per certi versi autonoma e peculiare che si è distinta per qualità nei 63 anni presi in esame; una legenda introduce alla comprensione dei numerosi dati espressi attraverso le sigle delle schede. Al termine arricchisce il volume l'indice completo dei titoli originali.
 


Il mito di Hollywood
di Mario Guidorizzi
Due volumi, 1930-1949 / 1950-1960 - Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1999

13 anni dopo lo straordinario "Hollywood 1930-1959", Mario Guidorizzi ritorna alle stampe - in versione aggiornata ed ampliata - con il dizionario di tutti i film americani dal 1930 al 1960 distribuiti nel nostro Paese, ribattezzato per l'occasione "Il mito di Hollywood".

I due volumi prendono in esame il periodo considerato oggi "aureo" del cinema hollywoodiano, dalla nascita del sonoro al 1960, sullo sfondo di uno scenario storico che abbraccia momenti fondamentali nella vita e nei costumi americani (la Depressione, il New Deal, la seconda guerra mondiale, il conflitto coreano, la concorrenza della TV, il maccartismo, ecc.), attraverso schede analitiche e ragionate di tutti gli oltre cinquemila film di quell'irripetibile trentennio usciti in Italia.

Di ogni pellicola il lettore può conoscere così il cast artistico, la durata, la trama, il commento critico confrontato con la maggiore enciclopedia cinematografica internazionale (la "Motion Picture Guide"), la valutazione estetica, gli eventuali premi, i nomi dei nostri insostituibili doppiatori.
 

                            • • • • •

Vittorio Martinelli Uno sguardo unico sul cinema muto in Italia


Vittorio Martinelli (Napoli, 1926 - Bologna, 2008) è stato autore, insieme ad Aldo Bernardini, della filmografia del cinema muto italiano (21 volumi) e di numerose altre pubblicazioni, tra le quali "Maciste & Co." con Mario Quargnolo, Roberto Roberti, e "Le dive del silenzio" entrambi ancora con Bernardini, "Il cinema di Augusto Genina" con Sergio Grmek Germani.

Dopo "Cuore d'oro e muscoli d'acciaio" (2000) e "Dal dott. Caligari a Lola-Lola" (2001), è questo il terzo volume della serie pubblicata dalla Cineteca del Friuli sui film stranieri usciti in Italia negli anni Venti.
 


L'eterna invasione - Il cinema americano degli anni Venti e la critica italiana di Vittorio Martinelli

La Cineteca del Friuli, Gemona (Udine) 2002

I primi film americani giunsero sugli schermi italiani attorno al 1907, importati da società mediatrici con sede a Parigi o a Londra.

Allo scoppio del primo conflitto mondiale scomparvero dalle nostre sale. Ma quando, nell'aprile del 1917, anche gli Stati Uniti entrarono in guerra, sulla nave ammiraglia della flotta che attraversava l'Atlantico per sbarcare sulle coste europee l'esercito yankee, vi erano anche i rappresentanti della Famous Players-Lasky, della Universal, della Triangle.

Dapprima timidamente, poi sempre più massicciamente, i film d'oltreoceano si imposero sugli schermi europei, Italia in testa, che divenne da allora il secondo mercato dei prodotti hollywoodiani, subito dopo quello nordamericano. Quella fascinazione, salvo brevi periodi, dura da oltre ottant'anni e non mostra alcun segno di regressione.

"L'eterna invasione" dà conto dei film che vennero presentati in Italia nel periodo del muto e anche dell'inizio degli anni Trenta, quando i film sonori venivano "ammutoliti", e di come - nel bene e nel male - vennero giudicati dalla nascente critica.
 

                            • • • • •

Franco Fossati Dall'universo Disney al fumetto


Franco Fossati
(Voghera, 1946 - Monza, 1996) è stato giornalista con una lunga esperienza nello studio e nella produzione dei fumetti lavorando alla Arnoldo Mondadori Editore dove, dal 1980 al 1985, è stato responsabile delle sceneggiature disneyane realizzate in Italia.

Ha scritto su riviste specializzate ed ha pubblicato diversi volumi: ricordiamo "I fumetti in 100 personaggi" (Longanesi, 1978), "Topolino" (Gammalibri, 1980), e, in collaborazione con Carlo Bordoni, "Dal feuilleton al fumetto" (Libri di base 90, Editori Riuniti, 1985).

E' stato tra i coordinatori de "La grande avventura a fumetti", enciclopedia pubblicata a dispense della De Agostini. In seguito si occupò del Dizionario "Fumetto" sempre per la Mondadori e della nuova testata di divulgazione scientifica popolare "Focus". Per visitare il sito internet della fondazione che porta il suo nome, clicca qui.
 


Walt Disney e l'impero disneyano
di Franco Fossati
Editori Riuniti, Roma 1986

«A volte ho l'impressione di essere una piccola ape. Volo da un settore dello studio all'altro a raccogliere il polline e a incitare gli altri»: così Walt Disney diceva di sé e del suo lavoro.

In questo volume, Franco Fossati ne ricostruisce la figura biografica e la fisionomia di formidabile creatore e manipolatore di creatività, senza trascurare la complessa architettura di uomini e mezzi che ha dato vita all'impero disneyano.

In appendice una ricchissima messe di informazioni, fra cui una completa filmografia redatta in ordine cronologico, fa di quest'opera un utile e gradevole strumento per attraversare il mondo luminoso e multiforme dei personaggi che da più di tre generazioni dimorano nella fantasia collettiva.
 

                             • • • • •

I cataloghi ufficiali delle majors di HollywoodPurtroppo mai tradotti in italiano...


Probabilmente, se Mario Guidorizzi non li avesse menzionati nella bibliografia del suo straordinario "Hollywood 1930-1959" già nel lontano 1986, forse non li conosceremmo nemmeno. Invece i cataloghi ufficiali delle principali majors hollywoodiane (purtroppo mai tradotti e mai pubblicati in italiano) esistono e rappresentano delle guide insostituibili e preziose sull'intera produzione degli studios, dalle origini fino (quasi) ai giorni nostri. Ed è proprio alla base della catalogazione offerta da ciascuna di queste che è nata l'idea di organizzare la Cronologia completa del nostro sito così come si presenta.
 


The Films of 20th Century-Fox di Tony Thomas e Aubrey Solomon

The Citadel Press, Secaucus (NJ) 1985

Il catalogo ufficiale della Twentieth Century-Fox compilato da Tony Thomas e Aubrey Solomon include tutti i film prodotti e/o distribuiti dallo studio dal 1935 (anno della formazione della compagnia, in seguito alla fusione fra Fox Film Corporation di William Fox e Twentieth Century Pictures di Darryl F. Zanuck) fino al 1984.

Conclude il volume l'essenziale filmografia completa della Fox Film Corporation, dal 1914-1915 al 1935 e quella (breve, 1933-1935) della Twentieth Century Pictures (che però distribuì i suoi film attraverso la United Artists).
 


The Columbia Story di Clive Hirschhorn

Crown Publishers, Inc., New York 1990

Il catalogo ufficiale della Columbia Pictures compilato da Clive Hirschhorn include tutti i film prodotti e/o distribuiti dallo studio dal 1922 - ma, in realtà, la progenitrice C.B.C. (Cohn-Brandt-Cohn) nacque nel 1919 - fino al 1988, includendo anche i serial, le serie, i documentari e i film inglesi e stranieri, che dal secondo dopoguerra in poi consentirono alla Columbia (grazie alle fortunate produzioni inglesi) la "promozione" alla categoria "major".

Essenziale la filmografia degli anni Venti e del periodo muto, ad eccezione delle opere di Frank Capra, unico "outsider" a disposizione del tirannico produttore Harry Cohn.
 


The M-G-M Story di John Douglas Eames

Pyramid Books, Londra 1990

Alla Metro-Goldwyn-Mayer, il più potente fra gli studios dell'epoca d'oro di Hollywood, John Douglas Eames dedica il ricco catalogo ufficiale includendo tutti i film prodotti e/o distribuiti dalla casa dal 1924 (anno della formazione della compagnia, in seguito alla fusione fra Metro Pictures, Goldwyn Pictures - già associate in precedenza nella Metro-Goldwyn - e Louis B. Mayer Productions) fino al 1989.

Ascesa e declino del "leone ruggente" con l'impressionante catalogazione di una quantità impareggiabile di capolavori, segno indelebile di un'epoca produttiva e creativa irripetibile, che oggi appartengono alla Turner Entertainment (Warner).
 


The Paramount Story di John Douglas Eames

Crown Publishers, Inc., New York 1985

Il catalogo ufficiale della Paramount Pictures compilato da John Douglas Eames include tutti i film prodotti e/o distribuiti dallo studio dal 1916 fino al 1984, ma le società indipendenti poi confluite nella Famous Players-Lasky Corporation erano operative già dal 1912 (presero definitivamente il nome della propria distributrice, Paramount appunto, solo nel 1927).

Tutta la produzione dello studio fra il 1929 e il 1949 (l'intera epoca d'oro degli anni Trenta e Quaranta) non appartiene più alla Paramount: fu venduta durante la crisi dello studio negli anni Cinquanta alla MCA-Universal con annessi diritti di sfruttamento televisivo.
 


The RKO Story di Richard B. Jewell con Vernon Harbin

Octopus Books Limited, Londra 1982

Il catalogo ufficiale della RKO-Radio Pictures compilato da Richard B. Jewell con Vernon Harbin (quest'ultimo rimasto alle dipendenze dello studio dal 1931 al 1976) include tutti i film prodotti e/o distribuiti dal 1929 - l'anno in cui la compagnia si formò in seguito alla fusione di RCA Photophone, KAO e FBO - fino al 1960 quando, passata di proprietà al bizzarro Howard Hughes, si ritrovò a chiudere i battenti per fallimento.

Tuttavia lo studio esiste ancora, ma solamente come titolare dei copyright sulle sceneggiature e sui soggetti dei film che compongono la sua preziosissima library.
 


The United Artists Story di Ronald Bergan

Octopus Books Limited, Londra 1986

Il catalogo ufficiale della United Artists compilato da Ronald Bergan include tutti i film prodotti e/o distribuiti dallo studio dal 1919 fino al 1985. Principalmente operativa nel ramo della distribuzione di produzioni indipendenti (era una delle tre "minors"), fu di fatto condotta sull'orlo del fallimento nel 1981 dopo il disastro del film "I cancelli del cielo".

Pertanto, per salvare la library e rimanere formalmente in vita, la United Artists fu venduta nello stesso anno alla Metro-Goldwyn-Mayer, andando a costituire la MGM/UA Communications. Sopravvive tuttora come marchio a sé stante, ma sotto l'egida degli MGM Studios.
 


The Universal Story di Clive Hirschhorn

Octopus Books Limited, Londra 1983

Il catalogo ufficiale della Universal Pictures compilato da Clive Hirschhorn include tutti i film prodotti e/o distribuiti dallo studio dal 1913 al 1982.

Ricalcando i passi della Columbia e della United Artists, anche la Universal - per decenni relegata fra le "minors" di Hollywood, non disponendo di un circuito di sale presso cui promuovere i propri film - negli anni Cinquanta divenne anch'essa una "major" sapendo cogliere meglio di altre case l'evoluzione e il cambiamento nei gusti del pubblico (fu la prima a credere nel successo del cinema di fantascienza e nel ricambio generazionale delle platee di spettatori).
 


The Warner Bros. Story di Clive Hirschhorn

Crown Publishers, Inc., New York 1979

Lo scudo più famoso del mondo fu il logo scelto dai fratelli Warner per la loro casa di produzione cinematografica, fondata nel lontano 1905 ma giunta - fra alterne fortune - ad essere operativa solo nel 1918. Il catalogo ufficiale della Warner Bros. compilato da Clive Hirschhorn include tutti i film prodotti e/o distribuiti dallo studio dal 1918 fino al 1979.

Nel 1925 la casa assorbì la pioniera degli studios americani, la Vitagraph, Inc. ormai sull'orlo del fallimento, mentre nel 1928 si fuse con la First National, diventando Warner Bros.-First National Pictures. E' sempre alla Warner che si deve l'invenzione del cinema sonoro (1927).
 

Conoscere i doppiaggi: clicca qui

Copyright © 2003 -  Damiano Negri. Tutti i diritti riservati.